Category: Blog

Gino Bartali

Mi sembrava un po’ buffo quell’uomo che vedevo vecchissimo col cappellino, la visiera all’insù e la faccia bonaria. Lo cercavano tutti e mio padre mi disse: “quello è Bartali, è stato un grande campione”.Annotai la cosa mentalmente e me ne dimenticai subito, mi piacque molto di più quando mio padre chiese a un corridore di …

Continue reading

Bambine all’antica (per ora)

Ok, saranno all’antica, non chiedono il cellulare, ma un palo rischiano di centrarlo lo stesso

Parlando di mobilità a varese

Ieri mi sono trovato a parlare di mobilità con Marco Giovannelli, direttore di VareseNews in un contesto importante: l’amministrazione varesina che faceva il punto della situazione su cosa si è fatto, cosa si sta facendo e cosa c’è da fare ancora in un contesto, tutto sommato, “facile” rispetto ad altre realtà, come la nostra città.È stata l’occasione, …

Continue reading

Notti di stelle e silenzio

Il fiume che scorre accanto alla strada rallenta anche il riflesso delle lucine appoggiate sui monti. Paesini e ponti che passano, le curve e l’aria che diventa frizzante. Ci vuole un po’ ad arrivare in fondo, specialmente quando la fine non sai bene dove sia.Però ne vale la pena e certi silenzi vanno guardati.

Quando pedalavo per Gildo

Gildo una volta mi tolse di peso dalla bicicletta per adagiarmi sul furgone, quando avevo finito una corsa senza quasi mangiare e tagliai il traguardo non so come, sfinito. Gildo che quando mi aveva seguito in quella cronometro che arrivai terzo, si era così entusiasmato nel vedermi andare forte, riprendendo prestissimo quello partito prima di me, …

Continue reading

Colnago è di nuovo Colnago

Colnago è sempre Colnago. L’Ernesto, lo zio, chiamatelo come vi pare ma è lui. E mi ha fatto piacere ritrovarlo così come l’avevo conosciuto. Le ultime volte che lo avevo incrociato nelle fiere, al suo compleanno quando fa ‘ste mega feste, l’avevo visto dimesso, più che lo zio forte sembrava un vecchio nonno che guarda …

Continue reading

Spazzolino elettrico e paure ataviche

Ho sempre avuto un rapporto molto (ma molto) difficile con i dentisti. In realtà lo hanno avuto migliore loro con me visto che, nel peggiore dei casi, gli ho pagato vacanze e generi di lusso.Il mio primo dentista era un tipo burbero. Dicevo “ahi” e proseguiva, se continuavo a lamentarmi s’incazzava proprio, manco lo sentisse …

Continue reading

Pizza rossa

Anzi, margherita. Ma cambia poco.Ho sempre mangiato la pizza passeggiando, a Roma è cosa normale (tipo quando si usciva da scuola), tant’è che molte pizzerie una volta nemmeno prevedevano delle sedie. Ordini, paghi e te la danno con quella carta oleata che ti protegge dall’ungerti le mani ma diventa una diga che quando l’olio è …

Continue reading

A Glocal, parlando di social e territorio

Per la serie “tutto fa curriculum” (prima che sorridiate pensando al mio mezzo secolo: non si finisce mai di fare curriculum, stampatevelo in testa) mi sono trovato a fare da moderatore in occasione di uno dei convegni organizzati nell’ambito di Glocal, il festival del giornalismo organizzato da Varesenews. Un evento nazionale dedicato ai giornalisti e …

Continue reading

Taipei 2018

Dalla metropolitana pulitissima, quasi asettica, al mercatino notturno, Taipei vive mille vite diverse interpretate dai suoi 2,5milioni di abitanti e più. Mi ci sono infilato in mezzo, negli spazi lasciati liberi dalla fiera delle biciclette e mi sembrava quasi di disturbare un equilibrio di pensieri.Di Taipei ho visto disordine e precisione assoluta. Mi sono sentito …

Continue reading